AVVISO

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK |

e-mail


elmarlener@gmail.com

lunedì 21 dicembre 2015

La disabilità calpestata per l'ennesima volta!

La disabilità subisce l’ennesimo attacco da parte di chi dovrebbe proteggere questa categoria di persone – lo Stato Italiano -. 
La parte più becera e scandalosa della Politica Italiana, ha fatto di nuovo capolino votando contro l’emendamento di Fratelli d’Italia con cui si chiedeva di togliere l’indennità di accompagnamento e le pensioni di Invalidità dal calcolo dell’ISEE/ICEF. I disabili ringraziano di vero cuore! Tutta la disabilità ringrazia per questo gran bel regalo di Natale.
Le conseguenze di questo provvedimento le vedremo fra qualche tempo, ovvero quando tutti i disabili dovranno presentare le varie dichiarazioni dei redditi e di conseguenza si troveranno anche le pensioni e le indennità di accompagnamento.
Una nuova schiera di poveri “ricchi” avanza nel nostro paese ed è quindi giusto che ai disabili vengano tolti tutti quei servizi che ricevevano grazie a questo strumento, a volte farraginoso. Il governo ha di nuovo utilizzato il proprio bancomat (la disabilità) per prelevare i soldi che serviranno per i propri sporchi interessi.
Mi chiedo sinceramente che cosa stiano aspettando gli Italiani ad estirpare questo cancro che ci sta lentamente annientando, non servono ne medicine ne cure palliative, qui, scusatemi, servono dei chirurghi che grazie all’unico strumento democratico che per fortuna ci è rimasto (ancora per poco credo), faccia cambiare senso (perché il #cambiaverso pare che non abbia funzionato) a questa vita ormai a senso unico da parecchio tempo.
Gian Piero Robbi (parecchio indignato)

1 commento:

Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito.Elmar Lener