AVVISO

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza del lettore. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso . Per le informazioni sulla Privacy leggere la Google Policies Privacy

Se continui nella navigazione accetti il loro uso. OK |

e-mail


elmarlener@gmail.com

domenica 3 gennaio 2016

Fisco e risparmio: novità ed agevolazioni del 2016.

Tante le novità del 2016 per cittadinigiovanifamiglie, lavoratori,pensionati, imprenditoricorrentisti, piccoli risparmiatori e possessori dipartita IVA.
Cancellazione di IMU e TASI e di accise ed IVA, per un valore di oltre 20 miliardi di euro. Ammortamento del 140% per le aziende italiane che investono in beni strumentali. Sospensione dell’aumento di IRPEF e IRAP a favore degli Enti Locali. Nuovo regime per le partite IVA.
Questi alcuni degli interventi previsti dalla legge di stabilità per il nuovo anno, ma esaminiamo in dettaglio ciò che prevede la manovra.
IMU e TASI: Abrogata IMU e TASI per circa 19 milioni di italiani proprietari di una casa e di terreni agricoli. Lo sgravio totale ammonta a 3,7 miliardi di euro. La TASI viene abolita anche per i semplici inquilini. IMU e TASI al 50% per la casa data in comodato a figli o genitori, però il comodato dovrà essere registrato e si dovrà possedere al massimo una prima casa oltre quella data al parente. Sconto TASI anche per i separati. La TASI resta ancora in vigore su tutti gli immobili di pregio come ville e castelli.
Casa: Per l’acquisto di un immobile residenziale da un’impresa costruttrice l'IVA pagata potrà essere recuperata al 50% dall'acquirente, in 10 rate, sull’IRPEF. Uno sconto del 25% a favore dei proprietari che concedono in affitto l'immobile a canone concordato. Dal 2016, inoltre, la prima casa si potrà acquistare in leasing pagando un canone ed alla fine un valore di riscatto. Il leasing sarà agevolato per gli under 35 con reddito sotto i 55 mila euro.
Mobili: Per le giovani coppie under 35 il bonus mobili vale anche se slegato da ristrutturazioni, fino a 16 mila euro.
Canone RAI: Scende a 100 euro l’anno e si pagherà a rate con la bolletta della luce, i criteri sono ancora da fissare. Sale la platea degli over 75 esenti che non pagano fino ad 8 mila euro di reddito.
E-control dei riscaldamenti: Sconto del 65%, come per il bonus energia, a chi acquista un sistema elettronico in grado di monitorare i consumi e controllare a distanza l’accensione dell’impianto di riscaldamento.
Famiglia: Accantonati 600 milioni di euro per un piano povertà. L’importo finanzierà anche una carta di acquisto per famiglie con almeno tre figli o con figli disabili. Previsti 100 milioni anche per la legge sul “dopo di noi”, in favore dei disabili che rimangono senza i genitori. I neo-papà avranno due giorni di congedo obbligatorio, anche non consecutivi. Per le mamme prorogato al 2016 il voucher babysitter, che viene esteso in via sperimentale, anche alle lavoratrici autonome. Il congedo obbligatorio di maternità d'ora in poi sarà valido ai fini del premio di produttività.
Lavoro: Per i giovani, ma anche per chi è rimasto senza lavoro durante la crisi, più probabilità di trovare una occupazione a tempo indeterminato, con la proroga degli sgravi sulle assunzioni ora ridotti al 40% con tetto a 3.250 euro e validi per due anni. Rifinanziata per il 2016, e in parte per il 2017, la "Dis-coll" l'indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act per i collaboratori (co.co.co).
Pensioni: Il Governo entro settembre verificherà le risorse per consentire anche nel 2016 l'andata in pensione anticipata delle donne attraverso il meccanismo “Opzione donna”.
NO TAX AREA: Interessa 6 milioni di pensionati over 75 e sale a 8 mila euro dal 2016. Le pensioni non saranno ridotte in caso di inflazione negativa.
IVA: I previsti aumenti di IVA e accise (con impatto su benzina e gasolio), che sarebbero dovuti scattare dal 1 gennaio, sono stati momentaneamente sospesi (taglio pari all’1% del PIL, per un valore di 16,8 miliardi di euro). Permangono comunque le “clausole di salvaguardia” per 15 miliardi nel 2017 e 20 miliardi nel 2018. Gli accertamenti fiscali su IVA e imposte sui redditi sono stati allungati da 4 a 5 anni, fino al 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui è stata presentata la dichiarazione contestata. Per le dichiarazione di IVA nulla, l’accertamento può essere effettuato fino all’ottavo anno successivo. E’ stata abolita la norma che raddoppia i termini per l’accertamento di IVA e imposte dirette nel caso in cui la violazione comporti l’obbligo di denuncia per reato tributario.
Partite IVA ed autonomi: La legge di stabilità prevede il passaggio dal regime dei minimi a quello forfettario che rimarrà l’unico in vigore. Ai professionisti che hanno avviato una nuova attività entro il 2015, viene confermata l’aliquota al 5% per i primi 5 anni e fino ai 35 anni di età. Per i lavoratori autonomi e le partite IVA sono state facilitate le condizioni per l’accesso e la permanenza nel regime forfettario all’aliquota del 15%.
Beni strumentali ed apparecchiature: Fino al 31 dicembre 2016 gli imprenditori che investiranno in apparecchiature e beni strumentali per la propria azienda godranno di un ammortamento del 140%. L’agevolazione varrà per un solo anno per i beni “non immobiliari” e sarà riconosciuta in automatico.
Addizionali regionali e comunali: Sospesi fino al 31 dicembre 2016 gli aumenti di tributi ed addizionali di Regioni e Comuni che possono vantare conti in regola per le proprie ASL. Il potere di imposizione tributaria di Regioni e Comuni non viene, invece, sospeso per TARI (tassa sui rifiuti), addizionale TASI e per gli Enti Locali che deliberano lo stato di pre-dissesto o dissesto.
Autovelox: Dal primo gennaio gli autovelox sono abilitati ad individuare non solo chi supera i limiti di velocità ma anche tutti i mezzi privi di assicurazione RC auto e del bollino di revisione. Questa nuova disposizione vuole rendere più sicure le strade italiane, individuando i circa 4 milioni di veicoli che fino ad ora hanno circolato fuori dalle regole.
Camper: Rottamando un vecchio camper con un euro 5 si potrà beneficiare di un contributo di 8 mila euro.
Imbarcazioni di lusso: Prevista dalla manovra 2016 anche l’abrogazione della supertassa per gli yacht di lusso (lunghezza superiore ai 14 metri) introdotta dal governo Monti nel 2011.
Cultura: I giovani che compiono 18 anni nel 2016 riceveranno una card con 500 euro da spendere per musei, mostre, eventi culturali, ma anche concerti dal vivo e acquisto di libri. In arrivo un bonus fiscale da mille euro una tantum per l'acquisto di strumenti musicali nuovi per gli studenti dei conservatori. Aumentano i fondi per le scuole statali e paritarie.
Pagamenti: Arriva la norma che consente di pagare anche un caffè con il bancomat. L’obbligo all’utilizzo delPOS però non scatta a fronte di "impossibilità tecniche". Da luglio 2017 anche le soste nelle strisce blu si potranno pagare con la carta di credito. La soglia di pagamento in contanti resta ferma a 1.000 euro.
Conti correnti: I conti correnti bancari, i conti di deposito e le obbligazioni emesse dagli istituti di credito sono più rischiosi dal 2016. Il nuovo sistema di partecipazione ai salvataggi degli istituti di credito, detto bail-in, prevede che nell’ipotesi di gravi difficoltà dell’istituto a pagare siano non solo gli azionisti, ma anche i possessori di obbligazioni bancarie subordinate ed i semplici clienti titolari di un conto che eccede la somma di 100 mila euro (fino a tale somma dovrebbe esser garantita la piena tutela del risparmio).
Concludiamo con qualche considerazione sul risparmio. I conti di deposito si rivelano più affidabili dei BOT.
L’ultima asta del 2015 dei BOT semestrali ha confermato che i tassi sono ancora negativi (-0,038%). Anche iCTZ, con durata di 18 mesi hanno un rendimento negativo (-0,109%). Investire in BTP conviene ma, per avvicinarsi a rendimenti dell’1% è necessario prendere in considerazione quelli con scadenza a 7 anni.
Il BTP con vincolo a 10 anni continua ad offrire circa l’1,6% lordo. Il rendimento può, a prima vista, sembrare interessante, ma quando tra pochi anni i tassi di interesse aumenteranno i titoli di lungo termine già emessi registreranno perdite in conto capitale.
Con l’inflazione ancora ai minimi termini i conti di deposito che offrono rendimenti netti dell’1%, a fronte di un vincolo di 12 mesi, costituiscono probabilmente una delle poche alternative interessanti per chi non ama il rischio del mercato azionario.

1 commento:

  1. Fisco e risparmio: novità ed agevolazioni del 2016.

    RispondiElimina

Il tuo commento è l'anima del blog,
Grazie della tua visita e torna ogni tanto da queste parti , un tuo saluto sarà sempre gradito.Elmar Lener